Contenimento del rischio di contagio da COVID-19 rispetto alle attività che vedono coinvolti i Dottorati di Ricerca ed i dottorandi

last modified Mar 12, 2020 05:03 PM

Linee guida assunte dal Consiglio dell’istituto Universitario di Studi Superiori – IUSS Ferrara 1391 nella riunione telematica di mercoledì 11 marzo 2020 in materia di contenimento del rischio di contagio da COVID-19 rispetto alle attività che vedono coinvolti i Dottorati di Ricerca ed i dottorandi.

 

 

Punto A). Modalità di esecuzione dell’esame di dottorato

Fatto salvo eventuali disposizioni diverse che dovessero pervenire da parte degli Organi di Ateneo o da normative e disposizioni superiori, gli esami finali per il conseguimento del titolo di Dottore di Ricerca si svolgeranno con le seguenti modalità per tutta la durata di vigenza dell’attuale emergenza sanitaria:

  • 1.    Tutti i candidati svolgeranno l’esame in via telematica;
  • 2.    L’intera Commissione svolgerà i lavori in via telematica;
  • 3.    É richiesta la presenza presso le strutture UniFe del solo Presidente della Commissione o, in alternativa, del Segretario. Il Commissario che sarà presente provvederà ai collegamenti ed alla gestione e verbalizzazione degli Esami con il supporto dei nostri tecnici informatici;
  • 4.    La struttura di Unife presso cui si terranno gli Esami è il Polo di via Adelardi, ove sono presenti le strutture ed i tecnici necessari per le operazioni;
  • 5.    È fatto divieto assoluto di svolgimento delle sedute di esame mediante assembramenti, ovvero né i candidati né i Commissari, ad eccezione del Presidente o del Segretario, dovranno recarsi nella struttura dell’Ateneo ove verrà formalmente sostenuta la seduta d’esame.

Punto B). Frequentazione dei dipartimenti/laboratori

Fatto salvo eventuali disposizioni diverse che dovessero pervenire da parte degli Organi di Ateneo o da normative e disposizioni superiori, i  dottorandi potranno accedere nelle strutture e nei laboratori solo se ricorrano circostanze di straordinaria necessita', da valutare sotto la responsabilita' del tutore e del Direttore del Dipartimento. Ai dottorandi a cui sarà richiesta la presenza presso le strutture ed i laboratori dovrà essere rilasciato una apposita autorizzazione motivata da parte del Direttore del Dipartimento o laboratorio, in modo tale che il dottorando qual’ora si trovasse a dover giustificare il proprio spostamento sul territorio nazionale possa dimostrare che, nonostante lo status giuridico lo qualifichi come “studente” si trova nella condizione di autocertificare l’esistenza di “comprovate esigenze lavorative“ così come richiesto dal DPCM 9 marzo 2020.

Inoltre, a fronte di attività impellenti di laboratorio che non possano essere rimandate, si dovrà ottemperare alle regole di sicurezza già ampiamente illustrate e, allo stesso tempo, adoperarsi per terminare le attività il prima possibile, affinchè il dottorando possa rientrare e rimanere presso la propria residenza.

Punto C). Mobilità dei dottorandi in entrata ed in uscita

Fatto salvo eventuali disposizioni diverse che dovessero pervenire da parte degli Organi di Ateneo o da normative e disposizioni superiori, per il periodo di vigenza dell’emergenza sanitaria la mobilità all’estero, non ancora iniziata, è sospesa. Nel caso in cui al termine dell’emergenza risulti possibile riprendere la mobilità ed usufruire dei finanziamenti eventualmente assegnati, questi ultimi verranno comunque erogati. Nel caso in cui i contributi di mobilità e/o le borse di studio per mobilità precedentemente assegnati non risultassero disponibili causa decorso del termine di utilizzo dello specifico finanziamento, si terrà conto in via prioritaria della perdita del benefit ai fini di future assegnazioni.

I dottorandi stranieri al momento presenti in UNIFE e che per motivi di sicurezza volessero rientrare a casa, dovranno chiedere l’autorizzazione al Collegio docenti che dovrà valutare la possibilità o meno di proseguire le attività di ricerca da parte dell’interessato. In caso di manifesta impossibilità nel proseguire le ricerche durante il periodo di distacco dalle strutture di Ateneo, il percorso dottorale e la relativa borsa di studio verrà sospesa

Relativamente alla frequenza di laboratori di ricerca e/o strutture di ricerca presenti sul territorio nazionale in mobilità temporanea ai fini dello sviluppo delle attività di ricerca, fa fede quanto riportato al punto B.

 

Il Direttore IUSS

Prof. Massimo Coltorti